Il Miglior Panettone Innovativo di RePanettone Napoli 2017 è di Caserta

Vince il territorio con il lievitato di Angela Padovano di Tenerità: mela annurca, noci caramellate e cannella

 

Il Miglior Panettone Innovativo di RePanettone Napoli 2017 è di Caserta. Vince il territorio con il lievitato della giovanissima Angela Padovano, 24 anni, pasticciera di Tenerità: mela annurca Igp, noci caramellate e cannella. La giuria presieduta da Antonio Tubelli, cuoco e storico della cucina, e composta dai giornalisti Santa Di Salvo, Benedetta Gargano e Vincenzo D’Antonio, dal pizzaiolo Ciro Salvo, maestro dell’impasto, e dal Pasticciere Ciro Scarpato, ha valutato alla cieca le creazioni dei 24 pasticcieri presenti alla kermesse in corso al Grand hotel Parker’s (corso Vittorio Emanuele, ingresso libero) fino a domani. Secondo classificato Giovanni Saviozzi della pizzeria Farina del mio Sacco di Cascina (Pisa) che, da pizzaiolo, ha presentato un panettone cotto nel forno a legna con noci e fichi di Carmignano al Vinsanto; terzo classificato Antonio Cera di Forno Sammarco da San Marco in Lamis (Foggia) che si è distinto per un Panettone con barbabietola rossa, timo selvatico e pepe bianco.

In esposizione, degustazione e vendita le creazioni di ventiquattro pasticcieri provenienti da diverse regioni italiane, selezionati secondo regole rigorose nei mesi precedenti la manifestazione. Tutti i panettoni presenti a RePanettone sono rigorosamente artigianali, realizzati senza ingredienti che ne prolunghino artificialmente la vita (i conservanti e i mono- e digliceridi utilizzati dall’industria), né semilavorati che ne facilitino la produzione artigianale, omogeneizzandone i sapori (lieviti disidratati e mix).

Le novità di questa terza edizione partenopea vanno nella direzione degli approfondimenti: dalle tecniche di preparazione all’abbinamento panettone-vino. Nella Sala Ferdinando dell’hotel è allestita una postazione con i forni di Moretti Forni per le Prove d’Artista e le preparazioni live di alcune ricette della pasticceria lievitata. Alla postazione si alterneranno alcuni pasticcieri in sessioni di circa 45 minuti per mostrare al pubblico tecniche di impastamento e cottura, piccoli segreti del mestiere e ricette.

L’Associazione Italiana Sommelier – Delegazione di Napoli curerà tre laboratori di degustazione esplorando le diverse possibilità di abbinamento con il panettone sia tradizionale che innovativo: ogni laboratorio, riservato ad un numero di max 20 partecipanti, prevede tre assaggi di panettoni diversi e tre vini in abbinamento (Sabato alle ore 17, Domenica alle ore 12 e alle 17.

Prenotazione trenta minuti prima dell’inizio fino ad esaurimento posti). A cornice della degustazione di panettoni ci sarà anche quest’anno il Winebar curato dall’Associazione Italiana Sommelier Delegazione di Napoli e Wine&Thecity dove sarà possibile assaggiare un’ampia selezione di vini dolci, passiti e spumanti del Consorzio di Tutela dei Vini del Sannio e le grappe di Distilleria Marzadro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *